Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

E se alle europee del 25 maggio le donne votano le donne?

europee
Non è una provocazione. E’ una proposta. Fugo da principio ogni dubbio, così apriamo un dibattito che non sia di battute e ironia. Domenica 25 maggio alle elezioni europee (sì, sono europee e non dovremmo dimenticarlo) sono chiamati a votare 49,3 milioni di italiani, di cui il 51% è donna. Ora a conti fatti se le donne cominciassero a votare le donne, visto che in questo caso è possibile esprimere la preferenza forse si avrebbe una rivoluzione fra i parlamentari che mandiamo a Bruxelles. Ci proviamo?

E’ inutile che si continui a discutere sull’introduzione delle quote di genere anche in politica e sulla posizione in lista delle candidate. Continuiamo ad aspettarci una decisione dall’alto che ci imponga o che ci invogli a un certo comportamento. Perché, invece, questa volta il cambiamento non lo facciamo venire dal basso?

Le donne nei cda stanno entrando grazie alle quote stabilite dalla legge Golfo/Mosca. Al governo in qualità di ministri e alla presidenza dei maggiori gruppi industriali italiani partecipati dal Tesoro sono state scelte dall’alto. Per una volta scegliamo noi.

Ne avevo già scritto per le amministrative e ripropongo ora l’idea. Alle europee sarà possibile dare due preferenze o tre purché la terza sia di un genere diverso. In soldoni si possono votare due donne e un uomo o due uomini e una donna. Se le preferenze sono tutte e tre dello stesso genere la terza viene annullata. Inoltre, è importante sottolinearlo, è necessario scrivere il nome accanto al simbolo altrimenti la preferenza andrà persa (non vanno automaticamente ai capilista).

Detto questo, la proposta è che le donne votino due donne e un uomo, di qualunque schieramento si parli. Diamo fiducia a due donne, scegliamole in base al loro curriculum e alla loro esperienza e diamo loro l’opportunità di mettersi alla prova. Negli anni tanti uomini hanno potuto farlo, ora proviamo a cambiare e vediamo cosa succede. Naturalmente la proposta vale anche per gli elettori uomini. Ci state?

  • Monica D'Ascenzo |

    Cara Patrizia, ci sono donne iPrada e auto blu e ci sono donne impegnate, serie e preparate. Non facciamo del qualunquismo, basta perdere un po’ di tempo a informarsi leggendo i curriculum. Ma poi perche’ crede che gli uomini vestano ai grandi magazzini e vadano in giro in bici? Anche fra loro ci sono gli uni e gli altri. Facciamo il nostro dovere di cittadini votando informati cosi’ potremo pretendere che i politici facciano il loro.

  • Stef |

    Magari, ma le donne italiane sono troppo maschiliste per farlo.

  • Patrizia |

    sono d’accordo ma finchè si presentano vestite PRADA o con le auto blu e scorta ai grandi magazzini non darò mai il voto , se si riducono lo stipendio a 5 mila euro forse …..

  Post Precedente
Post Successivo