Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Abruzzo…eppure non se ne vogliono andare

L'Aquila com'era.

Aquila

Nel caos delle macerie, degli aiuti, della desolazione ogni tanto arriva una notizia. Portata da un conoscente, da una sms o da una telefonata. L’amico, l’ex compagno di classe, il cugino del vicino e così via. Una lista, quella di coloro che non ci sono più, che si aggiorna via via. E quelli che hanno perso tutto, casa, lavoro, auto ti dicono “Siamo fortunati”. 

Le scosse continuano. Il ricordo di quella interminabile non li fa dormire. Le case non sono più sicure. Le tende non sono riscaldate. Il terreno non è un giaciglio. Eppure non se ne vogliono andare.

La protezione civile li invita a raggiungere gli hotel sulla riviera disposti ad accoglierli. I parenti chiamano per convincerli a raggiungerli in posti più sicuri. Ma la risposta è sempre la stessa. Non possiamo andar via. Non possiamo lasciare casa nostra.

Così le tende per le sagre estive sono state montate nei campi sportivi. Le cucine sono quelle da campo. C’è anche chi è riuscito a portare una televisione per seguire le notizie. Perché chi c’è dentro ne sa meno di chi è lontano continenti. I bambini continuano a giocare intorno. Gli adulti non hanno neanche la forza di parlare. Lo sguardo vuoto. E quando chiedi cosa può servire, come si può aiutare ti rispondono solo. Bisogna tirare fuori tutti. Poi per il resto si vedrà. Eppure non se ne vogliono andare.

  • Diego Marcello Capezzuto |

    Le parole non bastano per colmare lo sconforto che ha procurato questo terribile momento, con tutto l’amore di questo mondo Vi auguro il più sereno giorno della risurrezione del nostro signore Gesù Cristo, che faccia brillare su di voi la luce che è sempre stata degna del nostro sacrificio e della nostra umanità, ancora buona Pasqua.

  • Diego Marcello Capezzuto |

    E’ giusto che si ritrovi la speranza e la forza di reaggire, ognuno deve fare uno sforzo per comprendere realmente lo stato delle cose, Vi sono vicini tutti in questo momento, non abbiate timore di chiedere e far valere i vostri diritti, con la cerimonia solenne passa e si mette fine ad un ‘ulteriore sacrificio umano, forse alcune morti si potevano risparmiare, ma la vita è fatta così, ci toglie per poi renderci fieri dei notri sforzi, buona pasqua.

  Post Precedente
Post Successivo