Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

A casa i professionisti quarantenni, si assumono neolaureati

Laurea
“Un settore «a prova di ciclo economico» è quello della revisione di bilancio” era l’incipit di un articolo del Corriere Economia del 5 febbraio scorso. Allora abbiamo trovato qualcosa che si salva in questa recessione, mi sono detta. Poi ho letto tutto l’articolo: le quattro big four assumono perché “il controllo contabile è un adempimento obbligatorio per legge”. Ma c’era qualcosa che non mi tornava. Ho richiamato una conoscente che mi aveva parlato del suo “caso di famiglia”. Mamma di due bimbi e attualmente fuori dal mondo del lavoro ha il marito che ha appena ricevuto una notizia da una delle “big four”: tra qualche mese è fuori. Il motivo? La crisi ha colpito le imprese italiane, molte hanno chiuso i battenti e quindi anche il business della revisione di bilancio è calato. Dopo 15 anni di onorata carriera un ultraquarantenne si trova ora a doversi reinventare. Che fa, apre uno studio da commercialista? Mi chiede la moglie. Direi che il periodo non è dei migliori, perché il motto è “reinventarsi”, ma fare il professionista o l’imprenditore in una congiuntura come quella attuale non può essere un ripiego.

Torniamo all’articolo: le big four assumono 1.400 neolaureati. Ora visto che la vicenda del marito della conoscente non è un caso isolato, mi è venuto un dubbio. Non è che questa crisi serve anche per alleggerire i costi delle imprese tagliando le buste paga più pesanti e sostituendole con “oneri” più leggeri come gli stipendi dei neolaureati? Tanto più che è vero che hanno bisogno di un periodo di “traning” ma è anche vero che proprio perché sono a inizio carriera danno l’anima. E non mi riferisco solo a questo caso.

A questo si aggiunge il fatto che la visibilità sul prossimo futuro dell’economia non è certo aumentata rispetto allo scorso anno. Tutti sperano che il peggio sia passato, eppure “off the record” durante le interviste ti spiegano che sono tutti sul chi va là, imprenditori e banchieri, perché pare che l’ipotesi della recessione a doppia V non sia affatto da scartare. Si diffida anche dei migliori segnali di stabilizzazione e si sta pronti al peggio. E intanto la disoccupazione continua ad aumentare con il tasso italiano all’8,5% a dicembre (8,3% in novembre) con 2.138.000 di senza lavoro.

  • SteG |

    Io francamente mi chiedo a che punto arriveremo.
    La storia di Chicca sembra una barzelletta. Triste che non lo sia invece!
    Bisognerebbe cambiare tutto il sistema.

  • Bubi |

    @HR services net gli indirizzi sono sbagliati…mi da errore…

  • HR Services Net |

    Salve,
    abbiamo aperto un blog dedicato al lavoro per over 40 e per tutti coloro che debbano reinventarsi.
    Seguiteci
    http://mondoht.blogspot.com
    HR Services Net srl
    http://hr-services.net.it

  • chris |

    ragazzi,ricordate che una laurea non fa lo stipendio…. lo stipendio è dato da laurea +responsabilità assunte.
    è comunque un mondo di squali …e questo all’ università non lo insegnano.

  • Mauri. |

    L’esperienza di un quarantenne non viene tenuta in considerazione ed i risultati in termini di qualità dei prodotti si vede tutta, ma nelle aziende gestite come finanziarie questo non importa (fino alla prossima bolla).

  Post Precedente
Post Successivo