Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Whatsapp: i messaggi “incubo” dei gruppi dei genitori

Notifiche-WhatsAppLa tecnologia e l’innovazione devono entrare nelle scuole. E’ innegabile se il paese vuole competere a livello globale. La domanda è: come la tecnologia cambierà la nostra vita? Anzi meglio: come vogliamo noi che la tecnologia cambi la nostra vita? Da qui era partita la mia riflessione su registro elettronico e gruppi whatsapp dei genitori. Riflessioni che sono comuni a molti a giudicare dalla partecipazione e dai commenti che il post ha ricevuto. Le reazioni si possono dividere in due: chi ritiene che l’innovazione sia ineluttabile e bisogna seguire la scia e chi invece pone dei limiti all’utilizzo di certi strumenti. Perché di strumenti si sta parlando e in quanto tali sono nelle nostre mani e sta a noi decidere che farne.


Un discorso a parte, naturalmente, va dedicato a quanti hanno bambini con disturbi specifici di apprendimento (Dsa). In questo caso l’uso di ogni strumento è sacrosanto per garantire ai propri figli il miglior servizio scolastico possibile. Il fatto è, però, che non sono solo i genitori di questi bambini a tessere una tela di protezione per i figli. Abbiamo la tentazione un po’ tutti di farlo. E a volte esageriamo.
In molti mi hanno spedito esempi di messaggi spediti in chat fra genitori. Allora mi è venuto in mente un esperimento: scriviamo qui di seguito i messaggi ricevuti che riteniamo più assurdi e potenzialmente nocivi per i nostri figli. Non a scopo delatorio (naturalmente tacendo il mittente), ma perché forse servono da specchio a tutti noi. Forse noi che deploriamo un certo tipo di messaggio, magari siamo gli autori di un altro messaggio altrettanto “tossico”. E allora specchiamoci in quello che siamo con un po’ di senso autocritico (e autoironico). Scrivetemi il vostro messaggio incubo!

  • AnonimaIO |

    Il problema della tossicità riguarda il numero di messaggi e alle numerose risposte “grazie” “molte grazie” “super!” “sono d’accordo” “per me ok!”
    E poi usare il gruppo per i compiti è nulla, vogliamo parlare del colore della maglietta per il giorno della recita? Degli inviti alle feste di compleanno? della raccolta soldi per il regalo della festa di compleanno? del regalo da fare ai maestri (che fino a che faremo quello l’italia sarà un paese di mafia e tangenti!) a natale, alla befana, a primavera a fine anno? Grande tentazione di uscirne…disintossichiamoci!!!!

  • Valentina |

    L’ultimo messaggio arrivato nella chat delle mamme con figli che fanno mini-basket ha scatenato un’irrefrenabile ilarità:

    “LO SCONTRINO DELLE MUTANDE DI SIMONE CE L’HAI TU?”

    #muoio
    (ma poi, per farsene cosa???) ahahah

  • Simona |

    il contenuto del messaggio piu che da incubo, lo definirei esilarante per il malinteso che ha generato l’aver digitato una “o” al posto di una “i”. Si parlava dall’esigenza di avere carta a scuola… Avete presente quella sottile, fragile ,indispensabile pagina bianca , chiamata anche “foglio” ?. Quello strumento di lavoro direi necessario in una scuola? Ebbene una mamma chiedeva se avessimo a casa “figli” riciclati in eccesso… Non ho potuto fare a meno di rispondere con l’emoticon che ride fino ad avere le lacrime agli occhi! Anche ora sto ridendo

  • Romina |

    Di messaggi allarmistici e bizzarri ne ho collezionati tanti…tra questi uno recitava: IMPORTANTE: mamme, attenzione ai vostri figli. E’ stato avvistato un pidocchio a scuola (vabbè – penso io – capita..). Una mamma (straniera), però si confonde e risponde “anche io vedo spesso un pedofilo vicino alla scuola”. Così in pochi secondi è dilagato il panico dal pidocchio al pedofilo, per poi scoprire che non c’era né l’uno né l’altro, ma intanto l’ansia di gruppo – per la presunta presenza del non meglio identificato pedofilo – era dilagata ed esondata e la mia giornata ne è stata intossicata.

  • Antonella Lupica |

    tipo le foto delle arance “cerate” che ricevo dai genitori della commissione mensa della scuola di mio figlio? Le stesse che secondo Milano Ristorazione sono buone e mangiabili perché anche se la cera si attacca alle dita e la mandi giù con uno spicchio non è nociva?

  Post Precedente
Post Successivo