Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

L’Occupazione femminile cresce grazie…alla riforma delle pensioni!

Più di una donna su due lavora in Italia e non succedeva da almeno tre anni. L’occupazione femminile è tornata ai suoi massimi storici: 50,9%, il valore più alto dall’inizio delle serie (avviate nel ’93), toccato solo due volte e mai superato. I dati Istat sul secondo trimestre 2015 per la fascia fra i 20 e i 64 anni di ieri ci danno una buona notizia. Ma a guardar bene ci si accorge che l’incremento non è dovuto a più giovami che trovano lavoro o più donne che restano occupate anche dopo il primo figlio, quanto piuttosto, equasi esclusivamente, alle over-54. E bisogna dire grazie alla riforma delle pensioni.

Prima di quest’anno il tasso di occupazione delle donne aveva raggiunto il 50,9% solo nel secondo trimestre 2008 e nel secondo trimestre 2012. L’Italia è però ancora lontani dai target europei per il 2020, parametrati sulla fascia 20-64 ma si può dire che si è messa una toppa alla crisi che aveva fermato la crescita dell’occupazione femminile. Inoltre il merito va alle donne più avanti con l’età e non alle più giovani, che invece vedono ancora un tasso in discesa. Insomma la ripresa non è diffusa su tutte, a fare da traino sono le lavoratrici tra i 55 e i 64 anni, il cui tasso di occupazione è salito al 38,2%, dal 36,0% dell’anno prima (era al 30,7% a metà del 2012).

Pesanti invece le perdite nella fascia d’età tra i 25 e i 34 anni (anni in cui spesso si fa il primo figlio e si abbandona il lavoro): adesso tra loro il tasso di occupazione è al 50,8%. Non a caso tra le over-54 le occupate hanno ormai sfondato quota 1,5 milioni, quasi mezzo milione in più rispetto al 2011 (pre-riforma delle pensioni), mentre le donne tra i 25 e 34 anni a lavoro sono scese a 1,730 milioni, ormai è quasi un testa a testa con le più anziane (erano oltre 2 milioni nel secondo trimestre 2011).

Quanto agli uomini, per loro l’occupazione è al 70,5%, sempre tra i 20 e i 64 anni, in lieve recupero dopo la discesa seguita alla recessione (era 76% nel secondo trimestre 2007). Ecco che il tasso complessivo, che tiene conto sia degli uomini che delle donne, che si attesta al 60,6%. Si è così ancora molto distanti dagli obiettivi della Strategia Europea per il 2020 (arrivare a un tasso complessivo del 75%).