Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Lo scivolone dell’Us Open su Vinci e Pennetta

us openAgli americani non è andata proprio giù. La finale degli Us Open femminili tra Vinci e Pennetta li ha colti di sorpresa, tanto che sono scivolati su una buccia di banana. A cominciare dall’organizzazione del torneo. L’account Twitter ufficiale prima del match finale ha pensato di lanciare così la sfida fra le due italiane: “Pennetta Pasta and Da Vinci Code won the 1999 French Open junior doubles doubles, the same year SW21 won her first #usopen. –BG”. A parte il fatto che non era necessario sottolineare la superiorità di Williams, considerato che è la numero uno al mondo, per sminuire le finaliste. Ma, poi, perché apostrofare le due atlete italiane con dei soprannomi? E soprannomi ridicolizzanti per di più.


I media non sono stati da meno. La Cnn ha titolato: “Unseeded underdog defeats Serena”. Vale a dire: una “non classificata” e “sfavorita” ha sconfitto Serena. Neanche nominata la Vinci. Poteva essere una qualunque che passava di lì. Il titolo è stato prontamente cambiato dopo le proteste giunte alla redazione da fan italiani ed è diventato: “U.S. Open 2015: Serena Williams’ grand slam hopes ended by Vinci”. Un po’ più “fair” direi. Invece dall’account dell’Us Open nessuna marcia indietro nonostante le tante osservazioni ricevute sul social.

Un paio di domande (forse anche troppo ovvie). Lo sport, per antonomasia, non dovrebbe essere una scuola di “correttezza” non solo in campo? Ma se le due finaliste fossero state inglesi o tedesche si sarebbero permessi la stessa libertà?

Poi per carità, la finale fra Vinci e Pennetta ha l’appeal della finale di Champions League tra la Spal e il L’Aquila Calcio. Tanto che i biglietti per gli spalti sono passati, dopo la vittoria di Vinci, da 275 a 43 dollari l’uno. Un calo dell’83%, secondo Nbc News. Però, caspita, averle una volta nella storia una Vinci e una Pennetta! Per sminuire l’impresa potevano solo tirar fuori spaghetti e mandolino!!!

  • Michele Nasti |

    Il tweet dell’organizzazione del torneo l’ho trovato molto simpatico. Scrivono soprannomi di tutti i tennisti.
    I giornali italiani titolavano “Impresa Vinci” e neanche citavano la Williams. Insomma polemiche inutili giusto per riempire gli spazi !

  • Monica |

    Su Rsi2 della Svizzera, invece, non ne hanno nemmeno parlato quella sera. La trasmissione sportiva è stata tutta sul campionato di hockey svizzero!

  • Fabrizio |

    be’ anche i francesi di france24 hanno fatto passare una notizia nei sottotitoli che riferiva solo della sconfitta di Serena, ma non da chi fosse stata sconfitta…

  Post Precedente
Post Successivo