Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Un Natale nepalese

imageQuest’anno a Natale la famiglia si è allargata. A festeggiare con noi (via Skype) c’erano anche 20 bambini di un orfanotrofio nepalese. In un paesino, di quelli che assomigliano ai nostri del Sud Italia deglia anni ’50, c’è un ostello che ospita 20 bambini senza genitori e tutto per iniziativa di una onlus italiana, Human Traction. Nel suo giro intorno al mondo il viaggio di mia sorella Marzia ha incrociato quello della fondatrice dell’associazione. Hanno deciso di fare un pezzo di sttrada insieme e mia sorella, architetto, dedicherà un paio di mesi al progetto occupandosi della ristrutturazione dei servizi igienici e non solo. I bambini, però, avevano bisogno anche di altro e dall’Italia alcuni progetti mirati hanno regalato loro un Natale diverso. I bambini di una seconda elementare hanno raccolto due euro a testa per comprare loro berretti di lava contro il freddo, altri hanno donato per asciugamani e saponette, altri ancora per materassi e coperte. Non si può cambiare il mondo, forse, ma a volte ci vuole così poco per renderlo un po’ migliore.

L’associazione ha altri progetti da portare avanti, anche dopo Natale. A questo indirizzo trovate tutte le informazioni: human traction

image image image image image

  • Marzia |

    Ringrazio pubblicamente chi ha contribuito a rendere migliore la vita di questi ragazzi avendo fiducia in me e nell’associazione che sto aiutando. È stato un Natale privo di tutto ciò che ho sempre vissuto in occidente, maricco di una gioia unica.
    Grazie di cuore.
    Marzia

  • bologna148 |

    Monica è fanatstico quello che sta facendo tua sorella; io mi sto separando e mi sto contendendo con mia moglie i tre figli e poi scopir che nel mondo ci sono situazioni in cui l’amore che provi per la vita può andare a vantaggio di bimbi che vivono situazioni di disagio profondo. Tanti auguri ai 20 bimbi della famiglia allargata

  Post Precedente
Post Successivo